Rapina in villa in centro a Modena

Una rapina in villa, quasi nel centro a Modena, peraltro in una zona residenziale di un certo pregio, dovrebbe fare riflettere. Non solo perchè non si tratta di un’area del Paese ad alto tasso criminale (ma quale di esse può ormai essere considerata tranquilla?), ma anche perchè le modalità di accesso e, soprattutto, l’orario appena serale, fanno scattare un campanello di allarme.

LadriVillaWeb

Predatori che cercano di penetrare in una villa – Immagini di repertorio a cura di PRF

Sembrerebbe, però, che i malviventi siano riusciti a entrare dalla porta posteriore senza che le vittime se ne fossero accorte, nonostante fosse presente un sistema di allarme.

L’articolo non scende in dettagli, ma è probabile che il sistema fosse inattivo a quell’ora, per non tenere serrate tutte le finestre e gli accessi, proprio a causa dell’orario non tardo. Certo, i malviventi sembrano avere dimostrato una certa conoscenza dei luoghi… .

Per l’ennesima volta, tornano centrali i due temi che spesso richiamiamo:

  • l’analisi dei rischi, alla quale debbono abituarsi anche i privati (se non piace questo termine roboante, chiamiamola “abitudine alla prevenzione”…);
  • il rischio connesso ai basisti (è proprio necessario fare circolare certe informazioni?).

Infine un’ultima considerazione: la condotta dei predatori, compresa la disattivazione dell’impianto di allarme, fa pensare che si sia trattato di personaggi di una (purtroppo) grande esperienza.

Dal sito della Gazzetta di Modena, riportiamo un articolo sui fatti:

Modena, paura in via Guarini: rapina in villa, uomo e donna legati imbavagliati e derubati

…09 settembre 2015

  MODENA. …drammatica esperienza, vissuta ieri sera da una famiglia modenese residente in una villa di via Guarino Guarini. Nel cuore di Modena. I banditi, due persone, uno italiano e l’altro straniero, hanno potuto agire del tutto indisturbati, dimostrando di conoscere anche molto delle abitudini e dei possedimenti del proprietario.

Nella villa, protetta da telecamere e da sistema d’allarme, vivono un professionista sessantenne e la governante. I malviventi sono entrati in azione intorno alle 21, hanno forzato una porta posteriore e  sono come apparsi dal nulla nell’abitazione, sorprendendo i due residenti. L’uomo e la governante sono stati  bloccati  alle spalle, imbavagliati e legati con del filo elettrico.

Poi dopo aver mostrato una pistola, i malviventi  hanno obbligato il professionista (che è stato slegato) ad accompagnarli dove teneva il denaro, ovvero il comò in una stanza,  in casa non c’è nessuna cassaforte. A quel punto hanno messo in tasca i soldi: circa 6 mila euro in contanti e preso alcuni orologi di valore, tra cui dei Rolex. Prima di andare via hanno messo fuori uso il sistema di allarme. Sono stati i due rapinati a chiamare  soccorsi  una volta  liberatisi da lacci e bavagli, poco dopo le 22. Sul posto la polizia….

Corsivo di Prevenzione Rapine e Furti

Facebookyoutube
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Pubblicato il: 19 settembre 2015 alle 11:21 am

CLOSE