Biometria in banca: novità per l’accesso dei clienti.

 

Rilevazione delle impronte nelle filiali bancarie. Nuovi adempimenti e occasioni di sviluppo.

Mercoledì 4 Febbraio, Milano,

Grand Hotel Doria

Qui il programma

Abstract

Con il varo del nuovo Provvedimento generale sulla Biometria e le annesse Linee Guida, il previgente provvedimento sulla rilevazione delle impronte digitali e delle immagini dei clienti all’accesso delle filiali bancarie resta confermato, ma si aggiungono acuni importanti adempimenti, sia tecnici che organizzativi. Inoltre scatta l’obbligo di Data Breach, cioè di segnalazione di eventuali perdite di dati.Va aggiunto che, nel corso degli anni, alcuni “case study” hanno innovato alcune prassi tenute dalle banche (ad es.: nel caso del c.d. Vigilatore dei dati).

L’iniziativa promossa da AIPROS ha inteso fornire una adeguata informazione sullo stato di sviluppo delle tecnologie biometriche e sulla loro compatibilità legale, in particolare per la rilevazione delle impronte digitali. Per il settore bancario sono stati esaminati tutti i requisiti e i nuovi adempimenti richiesti, dei quali verranno rilasciati e illustrati agli intervenuti l’intera serie di procedure da adottare.

N.b.: l’intervento del Prof. Savastano non è disponibile nella repository e il materiale di formazione è stato riservato ai partecipanti

Sono intervenut:
– Prof. Ing. Mario Savastano:
Senior Researcher dell’IBB – Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR);
Coordinatore del Gruppo di lavoro 6 del Sottocomitato 37 sulle Biometria dell’ISO (International Standard Organization);
– Dott. Aldo Agostini, Consigliere e Responsabile del Dipartimento Privacy di AIPROS;
Esperto di Privacy e Security, membro di gruppi di lavoro e commissioni ministeriali, C.E.O. di Adeia Consulting.

Informazioni: prf@prevenzionerapine.it

Note per una migliore fruizione dei filmati:

Assicuratevi di avere una versione aggiornata di Adobe flash Player, l’ultima versione è la 15: http://get.adobe.com/it/flashplayer/ ;

Per ciò che riguarda il browser o la piattaforma non vi sono particolari requisiti, il setup è stato testato su Linux e Windows e con Internet Explorer (a partire dalla versione 7), Firefox, Chrome, Safari ed Opera.

Facebookyoutube
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Pubblicato il: 15 gennaio 2015 alle 1:42 am

CLOSE